Matteo Gobbo Trioli

Contralto solista, studia pianoforte sotto la guida del pianista compositore argentino Lelio Grappasonno. Si forma con il soprano Raffaella Benori e frequenta masterclasses di vocalità con maestri tra i quali Malcom King-Opera House of London, Albert Albertini -Operà de Paris  e Olivera Milyakovich, de lo StadtOper di Vienna. Debutta nell’opera lirica ne L’Amante di tutti di B. Galuppi per l’Opera Giocosa del‘700 di Bassano del Grappa, e successivamente nel Dido and Aenea di Henry Purcell al Teatro lirico G. Rossini di Pesaro, nel ruolo di Mercurio. Perfeziona la tecnica barocca presso la Schola Cantorum für Alte Musik di Basilea con i contraltisti Renè Jacobs e Richard Levitt Studia al Conservatorio G.Rossini di Pesaro sotto la guida del tenore Robleto Merolla e successivamente al Conservatorio A. Steffani di Castelfranco Veneto sotto la sapiente guida del soprano Giannina Amato Buniato. Collabora con Cantieri nel sodalizio artistico con il regista coreografo G. Cilluffo. Contralto solista al RossiniOperaFestival di Pesaro, accompagnato dall’Orchestra ProMarche diretta da diversi Direttori d’orchestra, 2002. Ospite al Festival Internazionale di Musica e Poesia Tusa Nero su Bianco, Messina, 2006.  Collabora nell’attività concertistica in qualità di solista con Orchestre sinfoniche ed Enti italiani, Musicisti e Compositori tra i quali il compositore contemporaneo Giusto Pio, il pianista Antonio Ballista e, nel repertorio cameristico, con i pianisti Anna Colonna Romano e Massimo Somenzi. Per l’Ambasciata Italiana a Vienna tiene concerti con il soprano Carla Possagno  ed è  invitato all’apertura dell’Anno Accademico 2006 – 2007 dell’Università di Graz, Austria. Di recente incisione una raccolta di canzoni d’amore dei primi anni del Novecento, di diversi compositori tra i quali Astor Piazzolla, Francis Poulenc e G. Lopez, in una formazione particolare con arrangiamenti originali per pianoforte, violoncello e voce. Nel 2007 incontra il pianista e compositore Giorgio Susana con il quale nasce un’intesa artistica che li porterà a numerosi successi in Italia e all’estero.Nel suo recente attivo, esecuzioni di Opere moderne e contemporanee come I due Timidi di Nino Rota, nel ruolo entravestì della signora Guidotti, produzione Gran Teatro La Fenice di Venezia e Il vestito nuovo dell’Imperatore del compositore veneziano Paolo Furlani, nel ruolo di primo tessitore, presentato in Italia a Venezia, Pordenone, Treviso e a Seul in Corea. Esecuzioni e recitals con programmi originali di Korngold, Finzi, Debussy, De Falla, Obrador, Guastavino, Hahn. Eclettico interprete , prende parte a numerose produzioni di Operetta collaborando con nomi illustri del canto e della direzione musicale tra i quali il compositore e direttore d’orchestra Daniele Zanettovich, i mezzosoprano Elena Zilio ed  Elena De Martin. Dal 2012, è cantante e musicista per la Corte del sultano Saudita a Venezia.
Per la sua duttilità timbrica di contralto│baritono, rappresenta a tuttoggi una rarità nel panorama musicale italiano.