1.1 INCURSIONE DI SOTTRAZIONE │LA VIA DEL PELLEGRINIO│INCURSIONE

2 settembre 2010

Progetto incursione  1.1 | 1.2 | 1.3│IL RAMINGO
Project incursion│1.1│1.2 │1.3 │THE WAGRANT

Compagnia La Compagine

1.1  INCURSIONE DI SOTTRAZIONE│LA VIA DEL PELLEGRINO
1.1  RAID SUBTRACTION │THE PILGRIM’S ROUTE

 foto©dilettabisetto

incursione di sottrazione si sviluppa attraverso la lezione della sintesi calviniana. E’ una sottrazione di peso , rappresenta la pesantezza come nucleo generatore della leggerezza, come luogo dal quale la leggerezza scaturisce. Attraverso tale processo di opposizione, il corpo liberato tra voce poetica e movimento, quasi di impulsi magnetici, attraversando questa soglia, diviene guizzo rapido, agile, delicato, fulmineo, ascensionale e sospeso.  Nominare dunque cose e mondo pesanti e gravi, per nominare la differenza che giunge, così, rapida, fulminea, inequivocabile.

E’ una rappresentazione esatta, perché rappresenta in superficie, nella pelle e nelle retine, la profondità. E’ rapida, nel suo insieme di esecuzione, e nel suo senso. Rende visibile l’irregolarità della bellezza, partendo da un corpo grottesco che non è solo corpo corporeo ma è anche corpo sociale, un corpo universale che si rappresenta nelle sue campionature, molteplicità di copioni, varietà delle esistenze nei suoi molteplici ruoli sociali e privati. Corpo sociale che imprigiona e inibisce il corpo corporeo, fino a liberarsi. Visibile rappresentazione di un rinnovamento e dell’eterno ciclo. E’ pure un’alludere all’esausta pesantezza nei vari ordini dell’esperienza. Consistenza di questa incursione teatrale  è la sua forma.

incursione di sottrazione coinvolge e giustifica lo spazio urbano e la presenza umana al suo interno, risignificandoli.  Attraversamento dello spazio urbano come attraversamento di campi magnetici  di improvviso guizzo cosmico. Dialettica dell’urbis, attraversamento della piazza come condensazione metafisica, ispiratrice di relazione e vicinanza.

Interpreti   Viviana Ferruzzi,  Samuel Osman,  Laura Zago,  Giulia Farina,  Giorgio Tollot

Soprano   Carla Possagno

Contraltista   Matteo Gobbo

Organo   M° Giorgio Susana

Musiche originali| Requiem   Carla Possagno

Sound designer,  assistenza tecnica,  montaggio audio   Joachim Thomas

Regia   Ketty Adenzato

Registrazione,  ottimizzazione   Stefano Bruzzolo

Scene e costumi   Fucina del Corāgo

Disegno luci   Fucina del Corāgo

Fotografo   GiuliaFedel, Diletta Bisetto

Graphic designer   Giampaola Marongiu

Produzione   Fucina del Corāgo

foto©Giulia Fedel

foto©Giulia Fedel

foto©Giulia Fedel

foto©Giulia Fedel

 

 

 

2 Settembre 2010

 FESTIVAL COMODAMENTE 2010 |leggerezza
 Serravalle di Vittorio Veneto
 Foro Boario  Chiesetta di San Giuseppe
 ore 20.30

 

 

Registrazione del Requiem effettuata il 18 Agosto 2010 nella Chiesa di Santa Maria Assunta di Carbonera  TV, all’organo Mascioni n°d’opera 711 del 1955, per l’eseguzione del M° Giorgio Susana,  voci del Soprano Carla Possagno e del Contraltista Matteo Gobbo.

 

http://www.flickr.com/photos/comodamente/
http://www.flickr.com/photos/comodamente/sets/72157625065635394
http://www.comodamente.it/2010/incursione-di-sottrazione
http://www.comodamente.it/2010/category/sezioni/spettacoli
http://www.comodamente.it/2010/calendario/2-settembre#Tutti
http://www.trevisopress.it/index.php?option=com_content&view=article&id=9600:vittorio-veneto-enzimi-sbarca-a-comodamente-con-incursioni-originali&catid=34:tempo-libero&Itemid=79<

     foto©GiuliaFedel │foto©DilettaBisetto

KGfree

Un ringraziamento a Pietro e Romolo Zanardo per il contributo all’allestimento

Per informazioni relative alle produzioni:  info@fucinadelcorago.eu

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,